La Prostata, non sottovalutare i sintomi

Cos’è la prostata

La prostata è una ghiandola che fa parte dell’apparato riproduttivo maschile, un organo delicato e sensibile spesso sede di infiammazioni, infezioni ed altre patologie. In pratica funge da valvola a due vie: si trova al di sotto della vescica e avvolge l’uretra, il condotto che, partendo dalla vescica, conduce l’urina fino al meato uretrale, sulla sommità del pene, da cui la stessa defluisce. Allo stesso modo conduce il liquido spermatico, un componente fondamentale dello sperma, prodotto dalla stessa ghiandola, al sacco scrotale, nei tubuli spermatici. E’ quindi evidente come la prostata abbia una funzione fondamentale nell’apparato riproduttivo maschile ma anche nel controllo della minzione, in quanto un suo ingrossamento tende a chiudere l’uretra per costrizione impedendo in tutto o in parte il deflusso dell’urina dalla vescica. Va da sé che se la vescica non ha modo di svuotarsi, si verifica un ristagno di urina che agevola lo sviluppo di batteri fino a sfociare in un’infezione che, se trascurata, può raggiungere anche i reni con conseguenze serie.

 

Come detto, la prostata è soggetta a infiammazioni, la prostatite ma anche ad infezioni, soprattutto per contiguità con la vescica che con una semplice e banale cistite può diffondere l’infezione alla prostata. Per diversi motivi biochimici che non stiamo qui a descrivere in quanto richiederebbero una trattazione piuttosto tecnicistica e noiosa da leggere, la prostata può andare incontro ad ingrossamenti, che passano sotto il nome di ipertrofia prostatica o essere sede di sviluppo di tumori benigni ma anche maligni: Il tumore alla prostata è una delle principali cause di morte negli uomini. Poiché la scienza ha dimostrato come in molti tumori, la maggior parte, alla base dello sviluppo vi sia un fatto infiammatorio prolungato nel tempo, da ciò discende l’opportunità di conoscere i sintomi che fanno ritenere che qualcosa non vada nel verso giusto nella prostata e altrettanto l’opportunità di eseguire visite ed esami di controllo periodici al fine di prevenire il più possibile eventuali problemi che potrebbero aggravarsi notevolmente.

 

I sintomi della prostata

I sintomi che si avvertono collegati ad un’anomalia della prostata sono numerosi e conviene suddividerli per tipo di sintomo: Dolorosi, urinari, sessuali e riproduttivi:

  • Urinari: sensazione di mancato svuotamento totale della vescica, problemi ad urinare (difficoltà ad iniziare la minzione, minzione a piccolo getto e intermittente, gocciolamenti al termine della minzione, bruciore durante la minzione, bruciore al pene.
  • Dolorosi: dolore al pube con sensazione di peso, dolore nell’area del perineo, dolore all’interno coscia, senso di fastidio ai testicoli, dolore lombare
  • Sessuali: problemi di erezione, calo del desiderio sessuale, eiaculazione precoce, ridotta quantità di sperma fino all’azzeramento, fastidi durante e dopo l’eiaculazione
  • Riproduttivi: ridotta fertilità o infertilità totale

 

E’ inoltre possibile che si verifichino episodi febbrili e altri problemi come la sensazione di tremore all’ano e fuoriuscita di pus dal pene. Se hai uno o più di questi sintomi il consiglio migliore è di rivolgerti al medico. Un controllo dall’urologo per la migliore prevenzione è consigliata dopo i 50 anni, una volta all’anno ma questa diventa una reale necessità dopo i 60 anni in quanto è proprio in questo campo di età che si sviluppano più frequentemente i tumori della prostata. Tieni conto che questa patologia resta spesso silente, asintomatica fino a quando non è talmente sviluppata da rendere complicato intervenire riducendo anche le possibilità di successo. La visita di controllo può ritenersi utile anche intorno ai 40 anni se in famiglia si sono verificati casi di tumore alla prostata. In ogni caso le infiammazioni alla prostata devono essere diagnosticate precocemente e curate adeguatamente non solo per risolvere i problemi che provocano ma anche e soprattutto in quanto cause predisponenti allo sviluppo di tumori.

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *